NEWS: PRATO HA IL SUO CRACKER. SI CHIAMA “GRANOCCHIO” E SA DI MORTADELLA

Il «Granocchio» è il vero protagonista di Eat Prato People per il festival del gusto pratese in programma fino a oggi, domenica 6, al Giardino Buonamici e in altre location della città laniera. Un’esperienza partecipata ma in totale sicurezza, con le modalità concesse, e in numero limitato e chiuso, ma in presenza. Per la sua quinta edizione tutto il popolo del gusto si mobilita per meravigliare con sapori, profumi, emozioni e tanta bellezza. In questa occasione l’abbinamento sarà con un prodotto nuovo: il “Granocchio” assume la forma di un gustoso biscotto salato da portare con sé per uno spuntino o da consumare insieme a vini e aperitivi.

Nasce proprio dalla fertile creatività e laboriosità pratese il nuovo prodotto da forno realizzato con la farina di filiera cortissima e il gusto del tipico salume di Prato, la mortadella. Il battesimo del nuovo cracker è avvenuto con l’iniziativa «Incontri croccanti» nei locali delle Manifatture digitali. Frutto di un’arte bianca che affonda le radici nel passato e realizzato con la farina del grano Gran Prato, rigorosamente con preciso disciplinare che ne regola la produzione, in un antico mulino di Vaiano. Il «Granocchio» contiene polvere di mortadella di Prato che gli conferisce una dolce sapidità e la leggera sfumatura rosa, resa dall’alchermes che completa l’impasto del salume insieme a coriandolo, chiodi di garofano e una punta di cannella. Al momento la produzione, così come l’idea, è del forno «Pane Amore e Fantasia» con all’opera un team quasi tutto al femminile che ha dato vita al nuovo spuntino. «La realizzazione in questa prima fase è a cura di un solo forno, ma l’obiettivo – racconta Marco Bardazzi di Gran Prato – è che tutti i forni aderenti all’Associazione, che quindi utilizzano esclusivamente farina di qualità di filiera corta e usano lieviti naturali, possano iniziare presto a produrlo» .

Leggi l’articolo completo su iltirreno.gelocal.it


Potrebbe interessarti anche: 
NEWS: DAL CESTINO AL CARRELLO DEL PANE DI CRACCO: IL NUOVO TREND PASSA PER IL LIEVITO