NEWS – LIEVITO DI BIRRA, PERCHÉ CONTINUARE AD UTILIZZARLO

Scoprire le virtù misconosciute del lievito e valorizzarle grazie ad una corretta informazione. È questo il messaggio lanciato al convegno Lievito: una bella scoperta di Rimini dal Gruppo Lievito da zuccheri di Assitol.
Il lievito è un microrganismo vivente, che prende vita da un sottoprodotto di origine agricola, il melasso da zucchero. “È un processo tutto naturale – ha spiegato Piero Pasturenzi, presidente del Gruppo – che le aziende accompagnano, creando le condizioni più favorevoli perché il lievito si riproduca in presenza di ossigeno. Per questo si usa dire che il lievito si coltiva, non si fa”.

Sulla sua naturalità non ci sono dubbi: la ricerca scientifica ha evidenziato da tempo le sue proprietà salutistiche, proprio nel contrasto ad una serie di problematiche assai diffuse, ma di cui si dà la colpa al lievito stesso. A sgombrare il campo da mistificazioni e luoghi comuni, ci ha pensato Michele Sculati, medico specialista in Scienza di alimentazione, professore a contratto all’Università di Milano-Bicocca, citando tutta una serie di recenti studi che dimostrano l’influenza positiva del lievito sulla salute.

pizza-napoletana-lievito NEWS - LIEVITO DI BIRRA, PERCHÉ CONTINUARE AD UTILIZZARLO

Le proprietà salutistiche

“È ormai dimostrato che il gonfiore addominale, frequentemente associato alla sindrome dell’intestino irritabile, ha altre origini – ha sottolineato l’esperto – rispetto al lievito: alterazioni del microbiota, dieta disordinata, sovrappeso, obesità, stress. Ci si dimentica, purtroppo, che uno dei primi probiotici utilizzati dall’umanità è stato proprio il lievito e come questa sua caratteristica apporti utili benefici al nostro organismo”.

Basti pensare che oggi la letteratura scientifica, smontando un luogo comune diffusissimo, raccomandi l’assunzione di lievito per ridurre il dolore addominale nei pazienti che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile.

La stessa sensazione di gonfiore che si prova dopo aver mangiato cibi come la pizza non può essere addebitata al lievito, che muore a 50-60°C, quindi ad una temperatura inferiore rispetto a quella utilizzata per cuocere i cibi. In questi casi, il gonfiore può essere causato da un significativo carico glicemico della singola pietanza e dalla quantità di sale. “Il che non significa demonizzare la pizza – ha avvertito Sculati – ma soltanto comprendere che è normale sentirsi “pieni” dopo averla mangiata”.

lievito-birra-pizza NEWS - LIEVITO DI BIRRA, PERCHÉ CONTINUARE AD UTILIZZARLO

Sculati ha inoltre ricordato come frequentemente le persone credano di essere intolleranti al lievito, ma che questa sia un’evenienza assai rara. “Sul tema si fa una grande confusione – ha ricordato il medico. L’individuazione di un’allergia o di un’intolleranza è possibile soltanto con analisi serie e scientificamente convalidate. I test delle intolleranze di auto-diagnosi, oggi molto in voga, che frequentemente rilevano intolleranze al lievito, si sono dimostrati privi di credibilità scientifica e validità clinica”.

Leggi l’articolo completo su ristorazioneitalianamagazine.it