NEWS – IL CLASSICO DEI CLASSICI: PANETTONE CONTRO PANDORO

Fossimo in Spagna, lo definiremmo “el clásico”. La sfida delle sfide. Più di guelfi e ghibellini, più di Coppie e Bartali, più di rossi e neri. Stiamo parlando del dilemma che, da sempre (o quasi), divide gli Italiani a tavola: panettone o pandoro? Noi, ovviamente, scegliamo di non scegliere. E ce ne andiamo allegramente alla scoperta delle origini di questi due capolavori natalizi.

Il “pan de Toni”

Cominciamo dal panettone. Secondo la leggenda, nacque nella Milano di Ludovico il Moro, signore della città alla fine del XV secolo. Durante la vigilia di Natale, il cuoco di casa Sforza bruciò malauguratamente il dolce preparato con il banchetto. Lo sguattero, un certo Toni, decise così di scarificare il suo panetto di lievito che aveva tenuto da parte per il suo Natale. Lo lavorò a più riprese con farina, uova, zucchero, uvetta e canditi, fino a ottenere un impasto soffice e molto lievitato. Il risultato fu strepitoso: gli Sforza lo apprezzarono a tal punto che decisero di chiamarlo, in suo onore, “pan de Toni”, da cui deriverebbe il termine “panettone”. Ma a contendere a Toni l’invenzione di questo dolce ci sono, sempre secondo leggende tutt’altro che affidabili, tali Ughetto degli Atellani e suor Ughetta (ma “ughett” in milanese significa uvetta…).

Il lievito arriva nell’Ottocento

Di sicuro, l’origine del panettone affonda nell’usanza medievale di preparare pani più ricchi, come quelli serviti durante il “rito del ciocco”, quando il capofamiglia serviva grandi pani di frumento di fronte al ceppo di Natale che ardeva nel camino. Le prime prove documentali dell’esistenza del panettone risalgono al 1606, quando nel primo Dizionario milanese-italiano si parla di un non meglio precisato “panaton de danedaa”. Ma è dall’Ottocento che derivano le descrizioni più precise, come quella di Francesco Cherubini, che definisce il “panattón o panatton de Natal” come “una specie di pane di frumento addobbato con burro, uova, zucchero e uva passerina (ughett) o sultana, che intersecato a mandorla quando è pasta, cotto che sia risulta a molti cornetti. 

Leggi l’articolo completo su lacucinaitaliana.it


125295416_3486332978123603_3744422506662366499_o NEWS - IL CLASSICO DEI CLASSICI: PANETTONE CONTRO PANDORO

Potrebbe interessarti anche:
RICETTA: ALBERO SOFFICE DI NATALE TIPO PAN BRIOCHE