Notizie

Il grano verde combatterà la crisi, Coldiretti Puglia illustra le opportunità del Freekeh

«A due mesi dall’inizio del conflitto, che rischia di far mancare oltre un quarto del grano mondiale, con Russia e Ucraina che controllano circa il 28% degli scambi internazionali, in Puglia arriva il Freekeh: è il grano duro raccolto prima della maturità, dai mille usi in cucina».

Così Coldiretti Puglia ieri, in una nota, a margine dell’iniziativa all’istituto alberghiero di Grumo Appula (Bari), dove è stato testato il nuovo grano, grazie ad un progetto di ricerca ‘New Grain’ portato avanti dal dipartimento di Scienze Agro Ambientali e Territoriali dell’università di Bari negli agriturismi Murà, Masseria Revinaldi e Tenuta Civitelluzza, in collaborazione con Coldiretti Bari e Terranostra Puglia, associazione agrituristica e ambientale.

«La pandemia prima e la guerra in Ucraina ora, stanno spingendo gli agricoltori a nuove semine nelle campagne – dice il direttore di Coldiretti Bari, Pietro Piccioni. «L’obiettivo della ricerca è produrre, trasformare e commercializzare il Freekeh in selezionati agriturismi della Puglia.

La resilienza dell’agricoltura e dell’agriturismo anche in questo scenario di incertezza è testimoniata dai nostri agricoltori attenti all’innovazione di processo e di prodotto che porterà ad offrire nelle strutture agrituristiche un prodotto nuovo, salubre e molto versatile che certamente troverà l’alto gradimento dei consumatori. Il Freekeh può essere consumato in zuppe, insalate di cereali, minestre, o trasformato in farine per la produzione di pane, pasta e derivati – aggiunge il vicepresidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica e ambientale di Coldiretti, Carlo Barnaba.

«Se questo cereale seduce così tanto è soprattutto per i suoi benefici effetti perché è due volte più ricco di fibre della quinoa e quattro volte più del grano integrale e presenta minerali, proteine e antiossidanti, come calcio, ferro, zinco, potassio, vitamina B e probiotici evidentemente toccasana per la salute – prosegue Coldiretti Bari. Secondo il portavoce per l’Accademia di Nutrizione e Dietetica, Vandana R. Sheth.

Leggi l’articolo completo su Quotidianodelsud.it

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *