Notizie

Corrieredeltrentino.corriere.it – Bolzano, dal pane invenduto nasce la birra: «Evitiamo lo spreco alimentare»

L’isoamilacetato conferisce l’aroma di banana, il feniletilacetato regala sentori di fiori e miele e il damascenone dà un tocco di rosa di Damasco; tra gli oli essenziali l’anetolo, tipico di cumino e anice. Sono i risultati a cui, tramite un «cromatogramma bidimensionale», è giunto il professor Emanuele Boselli, direttore del corso di laurea in Scienze enogastronomiche di montagna di UniBz, che ha esaminato la birra da pane «Cacciatori di Briciole»: un progetto avviato nel 2021 dall’area «Aiuti senza spreco» del gruppo Volontarius che, in collaborazione con il birrificio Batzen, ha ideato la bevanda solidale realizzata con il pane nero recuperato dai volontari bolzanini.

l pane «riciclato»

Una sinergia virtuosa che, con l’ateneo bolzanino, dovrebbe presto allargarsi ad altri prodotti nel settore alimentare e nella cosmesi; l’ipotesi è una crema solare attesa per la primavera. Nel frattempo uno studio multidisciplinare ha «fotografato» lo spettro aromatico della birra da pane che, come la materia prima regionale, vanta sentori riconoscibili di pane nero e cumino. I risultati sono stati presentati ieri mattina al Noi Techpark dal professor Boselli, da Christian Bacci, vicepresidente di Volontarius e coordinatore del progetto «Aiuti senza spreco», e dall’onorevole Maria Chiara Gadda, prima firmataria della legge «antispreco» del 2016, che ha lodato un progetto di lotta alle eccedenze produttive che promuove un modello di economia circolare. Raccolto dai 170 volontari su bici cargo elettriche in supermercati e ristoranti, il pane invenduto di giornata viene portato nella sede Volontarius di piazza Mazzini per essere sminuzzato, essiccato, ridotto in briciole e congelato, quindi conferito al Batzen dove, seguendo una ricetta sumera di duemila anni, diventa una corposa birra scura. Ogni due mesi vengono così «riciclati» 400 chili di pane che si trasformano in una «cotta» da 4.000 bottiglie vendute da Coop, Batzen e Gianni Bio….Continua a leggere su: Corrieredeltrentino.corriere.it

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *