La Ricetta di Nico – “Integralì” – Frolla con farina integrale

Temperatura laboratorio: 28,1° con il 34% u.r.
Occorrente: Boccale graduato, frigo, leccapentole, pellicola alimentare, bilancia, coltello, rotellina tagliapasta, bucapasta, planetaria, spatola in plastica.
Temperatura Vasca: 30°
INGREDIENTI:
1) Kg. 1 Zucchero semolato
2) Kg. 1 Burro a temperatura ambiente
3) Gr. 6 Aroma vaniglia o polpa di bacca di vaniglia
4) Kg. 2 Farina Integrale
5) N. 8 Uova intere (gr. 400 circa)
6) N. 2 Tuorli d’uovo a pasta gialla (gr. 60 circa)
7) N. 2 Bustine di lievito per dolci
PROCEDIMENTO:
Inserire in planetaria lo zucchero, il burro a temperatura ambiente e l’aroma vaniglia con foglia per circa 4 minuti a velocità elevata. Aggiungere il lievito e la farina integrale. Aggiungere le uova una per volta e di seguito i due tuorli sempre uno per volta facendoli amalgamare all’impasto. Lavorare gli ingredienti fino al raggiungimento di una pasta liscia e omogenea (circa 9 minuti totali a velocità moderata). Tirare fuori l’impasto dalla planetaria, schiacciare formando un panetto rettangolare e avvolgerlo in pellicola e riporre in frigo per almeno 1 ora (il pastone dovrebbe pesare circa kg. 4,436).
Riprendere il nostro impasto dal frigo, rigenerare la quantità occorrente per 2 minuti in planetaria con foglia e stendere dello spessore desiderato con l’ausilio di un mattarello o di una sfogliatrice. In caso si voglia realizzare una crostata lo spessore deve aggirarsi intorno a 1 cm..
Se si realizzano dei biscottini riporre gli stessi in frigo x almeno 30 minuti prima della cottura. Cuocere in forno (alimentato a gas, 3 piani a 3 accessi, statico) a 160° per 15 minuti circa.
Variante: Frolla al cacao – Frolla con gocce di cioccolato (300 gr. circa) – Biscottini con cioccolato e codette di zucchero colorato.

La presente ricetta è di esclusiva proprietà letteraria e artistica del Sig. Domenico Carlucci che ne detiene tutti i diritti, è fatto divieto a chiunque di pubblicare, riprodurre o duplicare parzialmente o totalmente la presente ricetta senza autorizzazione dello stesso e comunque citando la fonte e l’autore della ricetta. Chiunque contravvenga a tale disposizione, sarà perseguito a norma di legge.