La pasticceria di Nicolò Moschella diventa plastic free

Il pasticcere Nicolò Moschella sceglie di essere “Plastic Free”. Sempre maggiore l’attenzione verso il rispetto del nostro Pianeta anche da parte dei professionisti della grande pasticceria e cucina italiane.

Nicolò Moschella è un giovane pastry chef che ha già fatto tanto parlare di sè: questa svolta green è meritevole di grande rispetto, perché permette di sensibilizzare il pubblico anche nei gesti quotidiani. La tutela del nostro pianeta è ormai un’emergenza mondiale e combattere la plastica è una sfida che riguarda tutti.

Mi sono domandato cosa potevo fare ogni giorno per improntare la mia attività ai valori della sostenibilità ambientale effettuando delle scelte eco-sostenibili. Eliminare la plastica monouso è stato il mio primo pensiero, cercando dei prodotti utilizzabili in pasticceria amici dell’ambiente”.

#Pastryfreeplastic, quale migliore occasione per parlare del nuovo percorso bio del pastry chef Nicolò Moschella se non la presentazione di una nuova e super golosa monoporzione da lui firmata? Nasce ‘Matchamisu’, versione rivisitata e ricca di proprietà benefiche di uno dei più grandi classici della nostra pasticceria, una soffice crema al mascarpone e al posto del caffè il the verde matcha. E con questa dolcezza parte anche la rivoluzione sostenibile.

Le coppette utilizzate per contenere la monoporzione sono realizzate in carta kraft ottenuta da fonti rinnovabili, viene infatti utilizzata solo materia prima che proviene da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali e sociali.

Perché la scelta di questo prodotto?

La carta kraft, parola che viene dal tedesco e significa forza, è estremamente resistente ed è prodotta da fibre vergini di cellulosa. Il procedimento produttivo, denominato “kraft”, consiste in una serie di passaggi attraverso i quali viene estratta, per l’appunto, la cellulosa dal legno. La lavorazione permette di mantenere delle fibre lunghe ottenendo così un prodotto finito di ottima qualità antistrappo e robusto. Naturalmente color avana è adatta all’uso alimentare ed essendo un prodotto del tutto naturale va semplicemente gettato nella raccolta della carta in modo da essere riciclato.

Quando qualità e sostenibilità si unisco danno vita a progetti innovativi e in questo caso anche molto golosi.

La rivoluzione pastic free è in atto e sono convinto che dare l’esempio sia importante.” ne è convinto Nicolò Moschella che si dimostra non solo talentuoso (premiato come Top Italian Talent Chef 2018) ma anche socialmente impegnato.

FONTE: https://www.italiangourmet.it