Fornai del Molise ai vertici della panificazione italiana

CAMPOBASSO. Protagonisti della due giorni nella Capitale della Cultura Europea, il 26 e 27 ottobre, voluta e organizzata da Fiesa Assopanificatori Confesercenti, in una sensazionale performance allo Show Cooking della Panificazione e dei Prodotti da forno nel Centro storico di Matera, i fornai molisani hanno fatto conoscere alle migliaia di turisti che affollavano la Città, i sapori, gli aromi e il gusto delle eccellenze della fantastica regione che si affaccia sul Mediterraneo. Il profumo del Pane del Molise che si diffondeva tra i vicoli dei Sassi, ha suggellato lo stretto legame tra i panificatori provenienti da 10 regioni e 22 province d’Italia, tra la loro cultura e la panificazione: il pane, le sue tradizioni e le tipicità, la sua storia, le sue qualità e, soprattutto, le sue caratteristiche nutrizionali. 

In questo panorama, nell’ambito della Manifestazione “I Pani d’Italia, il Pane racconta la Storia”, i fornai molisani Claudio D’Angelo, del “Panificio D’Angelo” di Castelmauro, Gianfranco e Luciano Fallucchi, del “Panificio Kalena” di Casacalenda, sono stati insigniti del Titolo di “Maestro Panificatore”, segno delle loro grandi capacità, conoscenze e competenze di un settore che mette a contatto diretto produttori e consumatori.

“Quello che noi abbiamo ricavato da questa esperienza di Matera, è che questo tipo di manifestazioni danno la possibilità di promuovere e valorizzare il Pane, in vetrina che per noi piccoli panificatori è significativa – ha dichiarato Claudio D’Angelo – È stato un bel momento di aggregazione di conoscenza e di partecipazione collettiva. Un modo schietto di portare oltre confine quelle che sono le tradizioni e le tipicità molisane”.

Fiesa Assopanificatori ha realmente inteso costruire un evento che fosse un’occasione unica per un confronto tra i fornai delle regioni presenti e per uno scambio di esperienze e tipologie di prodotti. Quella di Matera è stata una di quelle occasioni dove hanno potuto comprendere davvero l’importanza e la forza di fare squadra in una grande organizzazione qual è Confesercenti. “È stato un vero e proprio orgoglio panificare con farina di grano duro e farina di farro, interamente prodotte da grano cresciuto sul suolo molisano – ha aggiunto D’Angelo – Sono farine non contaminate chimicamente, prodotte con sani principi di lavorazione contadina. Farine macinate a pietra da molini locali, quindi totalmente a chilometro zero, di ottima qualità”.

Leggi l’articolo completo su termolionline.it


Potrebbe interessarti anche: 

Montelupo celebra i grani antichi, per un giorno si mangia il pane dei nonni